06 luglio 2020

NUOVA funzionalità: traduzione dei documenti

By Chiara Gugole, Sales Executive

Share-ready, ovvero pronti per la condivisione. Si tratta di un’espressione che viene usata comunemente dai professionisti che gestiscono un deal per riferirsi allo stato di una data room. Per ottenere uno spazio pronto per la condivisione (share-ready) servono ore e ore di lavoro, come potrà confermare qualsiasi banker o avvocato coinvolto in questa attività. La situazione si complica ancora di più quando i documenti caricati nella data room sono in una lingua sconosciuta.

La nuova funzionalità di traduzione dei documenti di Datasite aiuta gli utenti ad evitare inutili ritardi nel caso in cui dovessero trovarsi in questa situazione, eliminando la necessità di ricorrere ad un software o a servizi di traduzione di terze parti durante la revisione iniziale del documento. Considerato che ogni anno il 50% dei deal M&A è svolto a livello internazionale, questo strumento si rivelerà estremamente utile per gli utenti delle data room in tutto il mondo. 

Massima efficienza    

Oltre a ridurre il tempo necessario per rivedere ed organizzare i documenti, gli utenti potranno beneficiare di tutti i vantaggi e della sicurezza aggiuntiva offerti dal servizio di traduzione dei documenti di Datasite. Sono ormai lontani i giorni in cui era necessario aprire e scaricare i documenti da tradurre ricorrendo ad altri strumenti. Tutto avviene all’interno della data room abilitata alle funzionalità di intelligenza artificiale.

Come funziona: Cinque semplici passaggi
  1. Carica i documenti in Datasite (documento singolo o in blocco)
  2. Porta il cursore sopra il file da tradurre nell'elenco dei documenti
  3. Fai clic sul pulsante “Traduci” quando viene visualizzata la schermata di anteprima del documento
  4. Conferma la lingua nella quale deve essere tradotta l'anteprima
  5. Rivedi la traduzione per confermare che la categoria attribuita al documento dal sistema sia corretta

La funzione traduzione di Datasite include più di 20 lingue, tra cui cinese, danese, inglese, francese, tedesco, giapponese, portoghese, russo e spagnolo. Bastano pochi semplici clic per passare rapidamente da una lingua all'altra.

Esperienza utente senza precedenti

La traduzione dei documenti si basa sull'elevata esperienza utente di altri miglioramenti recenti introdotti da Datasite, tra cui l’indicizzazione con intelligenza artificiale, le categorie intelligenti e i parametri di redazione. Essere pronti per la condivisione non è mai stato così facile.

 

Come funziona in pratica

Per provare questa funzione o altre funzioni correlate, contatta il rappresentante o richiedi una demo personalizzata. Contattaci.

Contattaci

Join the Dealmaker's Circle

It’s your forum to be known and to get to know dealmakers. To solve problems. Make improvements. Share experiences and expertise. Make a difference and network at all levels.

Join Now

Pronto per iniziare?

Potrebbe piacerti anche:

Market Spotlight - European Defense M&A: pronti al decollo?

Per diversi anni, molti Stati europei membri dell’Organizzazione del Trattato dell’Atlantico del Nord (NATO) sono stati criticati dagli Stati Uniti per non aver stanziato il 2% del PIL per le spese della Difesa, contravvenendo a quanto richiesto dall’alleanza militare. Cambierà alla luce dell'attualità? E cosa significa questo per le M&A nel settore della difesa in Europa?

Quattro motivi per cui vi serve una data room buy-side dedicata

Datasite Acquire, la prima piattaforma al mondo dedicata ai team di M&A buy-side. È evidente che per i dealmaker che si occupano di operazioni di M&A buy-side è importante disporre di una piattaforma dedicata: le società di ogni forma, dimensione e settore stanno passando dalle società di medie dimensioni alle grandi società globali di private equity a larga capitalizzazione. Perché? Lo scoprirai leggendo questo articolo.

M & A Professionals Working on a Data Room
Market Spotlight: un anno vivace per il PE in EMEA

Nel 2021 si sono registrati in tutto il mondo livelli record di operazioni di M&A. Non sorprende quindi che in area EMEA l'attività di private equity sia stata altrettanto spettacolare.