27 febbraio 2022

Market Spotlight: un anno vivace per il PE nell' area EMEA

di Merlin Piscitelli, Chief Revenue Officer, EMEA

Nel 2021 si sono registrati in tutto il mondo livelli record di operazioni di M&A. Non sorprende quindi che nell’ area EMEA l'attività di Private Equity sia stata altrettanto spettacolare.

Il numero di operazioni di Private Equity di tipo buyout nell’area EMEA è cresciuto anno dopo anno del 56% e ha raggiunto 2.467 operazioni, mentre nello stesso periodo il loro valore aggregato è più che raddoppiato ed è salito a 420,2 miliardi di euro. Quattro delle dieci principali operazioni dell'anno sono state operazioni di buyout nell’ambito dell'attività di PE.

La maggiore di esse è stata l’offerta di 35,5 miliardi di euro per Telecom Italia da parte del fondo di PE KKR con sede negli Stati Uniti. L'operazione è in attesa delle consuete approvazioni degli azionisti e dei regolatori, così come dell'approvazione del governo italiano che può intervenire nei deal che ritiene non siano nell'interesse nazionale. Un’altra operazione take-private significativa del 2021 è stata l'acquisizione da parte di Clayton, Dubilier & Rice (CDR) della catena di supermercati britannici Morrison per 12 miliardi di euro.  





Tassi di interesse bassi, molta liquidità e altro ancora

L'attività di PE nell’area EMEA è stata trainata da alcuni degli stessi fattori presenti in altre regioni, dai tassi di interesse e dall’abbondante liquidità, nonché altri straordinari driver quali la digitalizzazione e la transizione energetica. Nel complesso, stando ai dati di S&P Global, si stima che nell’ottobre 2021 le società di PE avevano capitale non allocato (detto dry powder) per un totale di 2.300 miliardi di dollari.  Ma non solo. Stando a S&P, si sta accumulando dry powder nelle mani dei fondi più grandi: le 25 maggiori società di PE detengono più di 500 miliardi di dollari in capitale non allocato.

Un altro motivo dell'attività di PE nell’area EMEA è il divario crescente tra le valutazioni delle public company negli Stati Uniti e in Europa.  Nonostante le società europee quotate in Borsa siano tradizionalmente scambiate a sconto rispetto alle loro omologhe USA, questa disparità si è accentuata dall’inizio della pandemia.

Dopo l’iniziale crollo dei prezzi delle azioni nel febbraio e nel marzo del 2020, l’indice S&P 500 ha registrato una formidabile ripresa e ora viene scambiato al 35% al di sopra dei livelli pre-pandemia.  Anche l’indice Euro Stoxx 50 è scambiato al di sopra dei livelli pre-pandemia, ma con un premio solamente di circa l’11%.

Se prendiamo il Regno Unito, lo scarto in termini di valutazioni è ancora più ampio: l’indice FTSE 100 è stato scambiato al di sotto dei livelli pre-pandemia per gran parte del 2020 e del 2021, ed è ritornato al di sopra dei livelli del febbraio 2020 solo alla fine del dicembre 2021. Ciò si è tradotto in un aumento dell'attività di operazioni take-private. Stando ai dati di Dealogic, il valore totale è quasi raddoppiato, passando dai 46,7 miliardi di euro nel 2019 agli 87 miliardi di euro nel 2020, salendo ancora nel 2021 fino a toccare i 110,4 miliardi di euro.

Nonostante il settore del PE sia alle prese con alcune difficoltà dovute al rialzo dei tassi, le condizioni di finanziamento dovrebbero rimanere favorevoli su base storica; con un tale potere a loro disposizione le società di Private Equity continueranno ad andare in modo aggressivo a caccia di asset e le società europee quotate in Borsa continueranno indubbiamente a catturare la loro attenzione.

Deal Drivers: EMEA FY 2021

Le operazioni di M&A hanno fatto un salto di qualità. Dove sarà particolarmente intensa l’attività di M&A? Quali sono i settori più promettenti?

Ottieni report

Pronto per iniziare?

Potrebbe piacerti anche:

Market Spotlight - European Defense M&A: pronti al decollo?

Per diversi anni, molti Stati europei membri dell’Organizzazione del Trattato dell’Atlantico del Nord (NATO) sono stati criticati dagli Stati Uniti per non aver stanziato il 2% del PIL per le spese della Difesa, contravvenendo a quanto richiesto dall’alleanza militare. Cambierà alla luce dell'attualità? E cosa significa questo per le M&A nel settore della difesa in Europa?

Quattro motivi per cui vi serve una data room buy-side dedicata

Datasite Acquire, la prima piattaforma al mondo dedicata ai team di M&A buy-side. È evidente che per i dealmaker che si occupano di operazioni di M&A buy-side è importante disporre di una piattaforma dedicata: le società di ogni forma, dimensione e settore stanno passando dalle società di medie dimensioni alle grandi società globali di private equity a larga capitalizzazione. Perché? Lo scoprirai leggendo questo articolo.

M & A Professionals Working on a Data Room
NUOVA funzionalità: traduzione dei documenti

Share-ready, ovvero pronti per la condivisione. Si tratta di un’espressione che viene usata comunemente dai professionisti che conducono deal per riferirsi allo stato di una data room. Per ottenere un luogo pronto per la condivisione (share-ready) servono ore e ore di lavoro, basta chiedere a qualsiasi banchiere di investimento o avvocato che si occupa di questo deliverable.

M & A Professional Looking Out into Space