27 febbraio 2022

Market Spotlight: un anno vivace per il PE nell' area EMEA

di Merlin Piscitelli, Chief Revenue Officer, EMEA

Nel 2021 si sono registrati in tutto il mondo livelli record di operazioni di M&A. Non sorprende quindi che nell’ area EMEA l'attività di Private Equity sia stata altrettanto spettacolare.

Il numero di operazioni di Private Equity di tipo buyout nell’area EMEA è cresciuto anno dopo anno del 56% e ha raggiunto 2.467 operazioni, mentre nello stesso periodo il loro valore aggregato è più che raddoppiato ed è salito a 420,2 miliardi di euro. Quattro delle dieci principali operazioni dell'anno sono state operazioni di buyout nell’ambito dell'attività di PE.

La maggiore di esse è stata l’offerta di 35,5 miliardi di euro per Telecom Italia da parte del fondo di PE KKR con sede negli Stati Uniti. L'operazione è in attesa delle consuete approvazioni degli azionisti e dei regolatori, così come dell'approvazione del governo italiano che può intervenire nei deal che ritiene non siano nell'interesse nazionale. Un’altra operazione take-private significativa del 2021 è stata l'acquisizione da parte di Clayton, Dubilier & Rice (CDR) della catena di supermercati britannici Morrison per 12 miliardi di euro.  





Tassi di interesse bassi, molta liquidità e altro ancora

L'attività di PE nell’area EMEA è stata trainata da alcuni degli stessi fattori presenti in altre regioni, dai tassi di interesse e dall’abbondante liquidità, nonché altri straordinari driver quali la digitalizzazione e la transizione energetica. Nel complesso, stando ai dati di S&P Global, si stima che nell’ottobre 2021 le società di PE avevano capitale non allocato (detto dry powder) per un totale di 2.300 miliardi di dollari.  Ma non solo. Stando a S&P, si sta accumulando dry powder nelle mani dei fondi più grandi: le 25 maggiori società di PE detengono più di 500 miliardi di dollari in capitale non allocato.

Un altro motivo dell'attività di PE nell’area EMEA è il divario crescente tra le valutazioni delle public company negli Stati Uniti e in Europa.  Nonostante le società europee quotate in Borsa siano tradizionalmente scambiate a sconto rispetto alle loro omologhe USA, questa disparità si è accentuata dall’inizio della pandemia.

Dopo l’iniziale crollo dei prezzi delle azioni nel febbraio e nel marzo del 2020, l’indice S&P 500 ha registrato una formidabile ripresa e ora viene scambiato al 35% al di sopra dei livelli pre-pandemia.  Anche l’indice Euro Stoxx 50 è scambiato al di sopra dei livelli pre-pandemia, ma con un premio solamente di circa l’11%.

Se prendiamo il Regno Unito, lo scarto in termini di valutazioni è ancora più ampio: l’indice FTSE 100 è stato scambiato al di sotto dei livelli pre-pandemia per gran parte del 2020 e del 2021, ed è ritornato al di sopra dei livelli del febbraio 2020 solo alla fine del dicembre 2021. Ciò si è tradotto in un aumento dell'attività di operazioni take-private. Stando ai dati di Dealogic, il valore totale è quasi raddoppiato, passando dai 46,7 miliardi di euro nel 2019 agli 87 miliardi di euro nel 2020, salendo ancora nel 2021 fino a toccare i 110,4 miliardi di euro.

Nonostante il settore del PE sia alle prese con alcune difficoltà dovute al rialzo dei tassi, le condizioni di finanziamento dovrebbero rimanere favorevoli su base storica; con un tale potere a loro disposizione le società di Private Equity continueranno ad andare in modo aggressivo a caccia di asset e le società europee quotate in Borsa continueranno indubbiamente a catturare la loro attenzione.

Deal Drivers: EMEA FY 2021

Le operazioni di M&A hanno fatto un salto di qualità. Dove sarà particolarmente intensa l’attività di M&A? Quali sono i settori più promettenti?

Ottieni report

Pronto per iniziare?

Potrebbe piacerti anche:

Velocizza la due diligence con trackers

Perché configurare una data room per la vostra operazione di M&A è un tale grattacapo? Non sarebbe fantastico trovare una soluzione più semplice per poter raccogliere tutti i documenti e i file relativi ai deal? Disporre di un’unica fonte affidabile? E di un unico luogo in cui collaborare? Poter lanciare i deal più celermente? Beh, adesso tutto ciò è già realtà.

M & A Professional Running in Tunnel
Market Spotlight: Le energie rinnovabili sono l’elemento chiave per la sicurezza energetica europea?

I prezzi del gas sono aumentati, facendo salire l’inflazione. Il modo in cui organizzazioni, consumatori e governi reagiranno a questo stato di cose potrebbe segnare l’inizio di un’evoluzione dell'energia europea sia in termini di sicurezza regionale, sia di crescita delle rinnovabili.

Market Spotlight: distressed deals in EMEA. La storia si ripete?

I dealmaker europei si trovano in una posizione singolarmente difficile. Anche altre regioni sono alle prese con l’aumento dell’inflazione, con i problemi della catena di fornitura e con la recessione economica, ma le conseguenze dirette e indirette dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia si stanno facendo sentire soprattutto in Europa.

June EMEA Market Spotlight Distressed Deals LP.jpg